1... 2... 3... Educazione Ambientale

Buone regole per tutti i giorni

Intavoliamo un Discorso

 

Promuovere la multiculturalità, ossia la conoscenza di culture “diverse” e l’interscambio tra italiani e stranieri presenti sul territorio; potenziare iniziative di scambio interculturale per favorire la piena integrazione.

In particolare, s’intende avvicinare la collettività locale alle culture delle diverse etnie,  maggiormente presenti sul territorio, attraverso un percorso riguardante le tradizioni gastronomiche tramite il quale entrare in contatto con la conoscenza della storia, delle tradizioni e della cultura di questi paesi con un costante confronto con le tradizioni italiane. Il cibo svolge un ruolo come possibile terreno di incontro fra le varie culture e diviene un mezzo semplice per conoscere la diversità e trasmettere la conoscenza dell’altro, un veicolo privilegiato e  popolare di comunicazione e di socializzazione.Raccontando i piatti tipici e approfondendone le origini, la storia, e le diverse interpretazioni si potrà acquisire il senso del rispetto per il diverso, condizione preliminare per il dialogo interculturale e la coesione sociale.Conoscere più a fondo le abitudini e le usanze dai tempi lontani ai giorni nostri; un percorso per conoscersi attraverso il cibo e ripercorrere il cammino dell'umanità.

Il cibo è storia, tradizione, cultura; l'origine di ogni ricetta ci svela, tramite la conoscenza del periodo storico che l'ha vista nascere, i problemi oppure la felicità di un popolo, in quel particolare momento del suo cammino. Sedersi intorno ad un tavolo, magari imbandito,  è il modo migliore per iniziare a conoscersi senza pregiudizi o barriere ideologiche, intorno al tavolo si è tutti uguali.

I Laboratori

 

… la curiosità è una molla che ci dovrebbe guidare ad

 ogni età.

Le metodologie utilizzate nei nostri corsi di educazione ambientale sono quelle dell’apprendimento attivo in modo tale che i bambini o i ragazzi, mettendosi in gioco, possano attuare un’autovalutazione delle proprie conoscenze e riflettere sulle proprie azioni future.

Riteniamo fondamentale instaurare legami con le realtà che operano sul territorio pertanto ci proponiamo di attivare collaborazioni con enti, istituzioni e associazioni; tali collaborazioni oltre a facilitare l’acquisizione di un linguaggio comune, permettono di lavorare in maniera multidisciplinare nella scuola e di rafforzare i legami con il territorio.

Consumo critico, stili di vita sostenibili e protocollo di Kyoto, rimangono argomenti attuali di cui si parla con massimo rispetto e vera condivisione degli intenti, ma quando si torna a casa è tutto come prima.

Ecoistituto della Lombardia

 

A Scuola di Buone Pratiche

Il progetto prevede la simulazione di un percorso di Agenda 21 locale volto a ricercare trasformazioni efficaci, in risposta a problematiche ambientali relative all'eccessiva produzione di Co2, individuate nella scuola (gestione raccolta differenziata dei rifiuti, risparmio energetico, acquisti verdi...).

La riflessione e la trasformazione del proprio stile di vita divengono strumenti per incidere su prospettive di cambiamento a livello sociale.

Applicando la metodologia e gli strumenti propri di Agenda 21 è possibile attivare,  all'interno della scuola, un processo partecipativo attraverso il quale i diversi soggetti giungano alla definizione di una serie di buone pratiche condivise e finalizzate ad improntare alla sostenibilità i vari aspetti della vita scolastica.

Questo progetto offre un metodo di analisi in cui gli studenti e gli insegnanti scopriranno  nuovi saperi attraverso l'ascolto e la valorizzazione reciproca, in una ricerca/azione finalizzata al raggiungimento di nuove consapevolezze.

In questo percorso è fondamentale la partecipazione delle varie componenti dell'istituto (studenti, docenti, preside, rappresentanza dei genitori...) e dell'amministrazione locale, che insieme alle classi daranno il proprio contributo nella ricerca di soluzioni condivise.